Fai scorrere le tue emozioni

""

Date

La rabbia può essere il più pesante macigno che ti porti dentro oppure la tua più potente occasione di rinascita.

Ti è mai capitato di subire un torto e provare un forte senso di rabbia? Sai che riflessi ha questo sul tuo corpo?

Nelle Medicine Tradizionali ad ogni organo è collegata un’emozione.

Ad esempio, al fegato corrisponde la rabbia, alla milza e al pancreas i pensieri ossessi, ai reni la paura e così via.

Ciò spiega come se reprimiamo le nostre emozioni generiamo sofferenza agli organi fisici corrispondenti. Infatti, una situazione che ci fa sentire particolarmente arrabbiati e, magari, non riusciamo a far emergere l’emozione verso l’esterno, dandole così anche una valenza positiva, questa finisce per “intossicare” il nostro fegato proprio come una goduriosa frittura!

Di fatto, per il raggiungimento del nostro benessere non possiamo sfuggire dal comprendere la corretta gestione delle emozioni.

La rabbia può essere il più pesante macigno che ti porti dentro oppure la tua più potente occasione di rinascita.

Imparare ad accettare gli eventi che ci succedono come esperienze di vita ci aiuta a non permettere loro di trasformare la nostra identità.

Essere pronti a lasciare andare la zavorra che ci grava d’inutile peso non significa rinunciare al nostro bagaglio di esperienze, quelle che hanno caratterizzato il nostro passato e hanno modellato il nostro presente, facendo di noi quello che siamo. Non vuol dire nemmeno abdicare ai nostri sogni e a tutto ciò che abita il nostro futuro.

Significa abbandonare l’inessenziale, l’inutile e il dannoso.

Accogliere, accettare, comprendere ed elaborare un’esperienza ci può aiutare a far fluire le emozioni in maniera salutare, senza che queste possano modificare la nostra persona e gravare sul nostro corpo.

La naturopatia offre strumenti quali rimedi vibrazionali e tecniche di auto aiuto per riuscire a rendere le emozioni forti, spesso etichettate come negative, un punto di forza per ognuno di noi!

Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo!

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Leggi
agli altri articoli